LE NOVITA’ DI QUEST’ANNO:

LA COLLABORAZIONE CON APULIA FILM COMMISSION

La quarta edizione del primo festival di cinema arcobaleno del Salento abiterà quest’anno gli spazi del CineLab “Giuseppe Bertolucci”, grazie alla collaborazione con Apulia Film Commission che co-finanzia l’iniziativa. 

Proprio grazie alla sinergia con i Cineporti di Puglia, il festival  assume un respiro regionale: l’inaugurazione sarà a Foggia martedì 13 marzo, mentre mercoledì 14 marzo – sarà la volta di Bari per poi entrare nel vivo con i tre giorni di fitta programmazione a Lecceda giovedì 15 a sabato 17 marzo, con la presentazione dei documentari e film selezionati alla presenza di registi e produttori. 

Immancabile la collaborazione con le Manifatture Knos, che hanno visto la nascita e l’evoluzione della rassegna negli anni, e che ospiteranno le mostre, le presentazioni di libri, i cortometraggi del festival e la festa finale.

SINERGIE CONSOLIDATE:

Anche quest’anno il festival  sarà fortemente connotato dalla presenza degli studenti e delle studentesse delle scuole superiori di Lecce e provincia, con duecento ragazzi del Liceo Artistico “Ciardo Pellegrino” che parteciperanno a due matinée con proiezioni riservate alle scuole, e da un gruppo della sezione audio-visivo dell’istituto che comporrà per il terzo anno la Youth Jury del festival – coordinata dal professor Dario Patrocinio. Confermate anche la giuria del CineClub Universitario – guidata dal prof. Luca Bandirali – e quella delle associazioni del territorio che da sempre supportano il festival. 

IL PROGRAMMA IN DETTAGLIO:

MARTEDÌ 13 MARZO

Xavier
(Italia, 2017, 8’)
di Jo Coda

20 aprile 2017 avenue des Champs-Elysées. In un attentato, tra i compagni feriti, il poliziotto Xavier Jugelé perde la vita. Sogni infranti, aspettative di pace senza risposta. Ma l’odio non troverà spazio. Dialogo e tolleranza, l’unica soluzione.

Bullied To Death
(Italia / Usa 2016, 72′)
di Giovanni Coda

J.R. aveva quattordici anni quando, nel 2011, si è tolto la vita per esasperazione e isolamento: esasperato dalle continue minacce di chi, a scuola e sul web, lo perseguitava e, isolato perché sentiva che nessuno poteva aiutarlo. La sua colpa? Essere omosessuale.

MERCOLEDÌ 14 MARZO

Giovanni (Italia, 1987, 27’)
di Ottavio Mai

Giovanni, che vive con la madre ed è fidanzato con Tiziana, nasconde la propria omosessualità per vergogna e per paura, ma giunto sul punto di sposarsi, gli succede qualcosa che lo porterà a rifiutare di viverla ancora in maniera clandestina e colpevolizzante, e così, dopo un’analisi personale un po’ travagliata, recupera un certo coraggio esistenziale e decide di viverla “alla luce del sole”.

Il “Fico” del Regime (Italia,
1991, 60’)
di Ottavio Mai, Giovanni
Minerba

Il segreto di Giò Stajano per affrontare la vita nel modo migliore, o peggiore, dipende dai punti di vista, è stato ed è quello di non essersi mai preso troppo sul serio. Già il fatto di nascere omosessuale in un paesino del profondo sud, in pieno periodo fascista, e per di più in casa Storace, scegliendosi come madre un’ignara figlia del “virilissimo” braccio destro del Duce, e di far poi pipì tra le braccia di quest’ultimo, alla tenera età di un anno, la dice lunga. Poi negli anni ‘50, giovane di belle speranze, approda a Roma e col suo stile di vita anticonformista ed il suo libro Roma capitolina sull’omosessualità “eccellente” capitolina, subito sequestrato, diventa “personaggio” e viene chiamato da Fellini per interpretare se stesso nel film La dolce vita. Poi di colpo nell’81, dopo aver fatto il giornalista d’assalto, aver continuato a scrivere libri e interpretare film, stanco di questo ruolo vola a Casablanca e diventa
Maria Gioacchina, confermando così la sua innata tendenza alla provocazione a allo sberleffo, nei confronti della vita e di se stesso/a.

Più vivo di così non sarò mai
(Italia, 1985, 13’)
di Ottavio Mai

Attraverso la lettura di alcune poesie di Sandro Penna un ragazzo, come per incanto, ne “rivive” visivamente alcune, quasi fosse lui stesso il Poeta. Un omaggio a Sandro Penna, così è da intendersi questo breve lavoro, dedicato anche alla bellezza “solare” di questi ragazzi, immortalati dalle liriche del poeta nel tempo e nello spazio (saranno infatti sempre lì e così, anche tra 10, 100, 1000 anni). Un omaggio alla purezza, alla semplicità delle cose non dette… alla bellezza delle immagini rubate alla monotonia del mondo reale. Un tentativo insomma, attraverso la sua insaputa complicità, di fare un film-poesia.

GIOVEDÌ 15 MARZO

h 18.00
In mezzo al vento
(Italia, 2017, 10’) di Letizia Cerrati
alla presenza della regista

 

 

La storia di Margherita, attraversando mezzo secondo di pregiudizi e rancori familiari, mette a nudo il controverso rapporto padre-figlia legato all’omosessualità.

h 18.30
Erma
(Italia, 2017, 15’) di Luciano Toriello
alla presenza del regista

Completato il suo percorso di transizione di genere sessuale, la violinista H.e.r. riflette sulla musica quale strumento di affermazione della propria identità di artista e donna. Sullo sfondo, le Isole Tremiti.

H 19.00
Prima di tutto
(Italia, 2013, 53’) di Marco Simon Puccioni
alla presenza del regista

Il racconto di come sono nati due bambini, figli di una coppia gay, grazie all’aiuto della gestazione di sostegno.

H 20.00
Ne avete di finocchi in casa?
(Italia, 2017, 85’) di Andrea Meroni
alla presenza del regista

Nel cinema italiano di genere degli anni 70 si assiste ad una presenza costante di personaggi gay, incarnazione di un sense of humor pecoreccio e specchio di un clima culturale retrivo ed omofobo. Per capirne i motivi il giovane regista Andrea Meroni ha incontrato i protagonisti di una stagione ormai lontana (Lino Banfi, Enrico Vanzina e Leo Gullotta), esperti, critici ed attivisti del movimento LGBTQI. Il risultato? Un documentario sorprendente e ironico, che ci ricorda quando eravamo froci.

H 21.30
Il padre d’Italia
(Italia, 2017, 93’) di Fabio Mollo

Paolo voleva diventare un falegname o un architetto, e invece fa il commesso in un megastore di arredamento preconfezionato. Da poco è stato lasciato dal suo compagno Mario, che sta provando a realizzare i suoi sogni (forse anche quelli preconfezionati) insieme a un altro uomo. Una sera, mentre Paolo va in cerca di Mario in un locale gay, incontra Mia, giovane donna incinta che sembra non sapere cosa fare di se stessa, men che meno della bambina che aspetta. Suo malgrado, Paolo si farà carico di Mia e cercherà di riportarla a casa, intraprendendo un viaggio che porterà entrambi in giro attraverso l’Italia del presente.

VENERDÌ 16 MARZO

MATINEE PER LE SCUOLE
Oriented
(Israel, 2015, 86’) di Jake Witzenfeld
con gli studenti del Liceo “Ciardo Pellegrino” & insieme allo Yalla Film Fest

Tre giovani amici palestinesi che vivono a Tel Aviv, tre modi personali, a volte convergenti, a volte discordanti, di vedere e vivere la propria omosessualità e la condizione di stranieri in “terra nemica”, con tutte le scelte, le difficoltà e le gioie ad esse legate. Khader proviene da un’importante famiglia appartenente alla mafia araba e convive con David, ebreo, di professione promoter di eventi notturni LGBTQ. Fadi è un fervente nazionalista che ha sposato la causa dell’indipendenza della Palestina eppure si trova ad amare un sionista. Naim si deve confrontare con i propri famigliari, profondamente religiosi.

H 18.15
Abrazame como antes
(Costa Rica, 2017, 63’) di Jurgen Ureña

Verónica è una donna transgender che lavora come prostituta in un piccolo sobborgo della capitale del Costa Rica. Quando Tato, un giovane ladro, ha un incidente e si rompe una caviglia, lei lo porta a casa e cerca di dargli una vita migliore. L’incontro con tato permetterà a Verónica di riflettere sul doloroso rapporto con la madre e sulla possibilità di vivere una vita migliore.

H 19.15
26 de diciembre
(Italia, 2018, 45’) di Silvia Maggi
dialogo con Silvia Garzia

Per un mese, la regista Silvia Maggi e la ricercatrice Silvia Radicioni assieme al loro team hanno seguito la comunità
Fundación 26 de Diciembre a Lavapies, Madrid, durante il processo di creazione della loro nuova casa per anziani LGBT. Documentando la vita quotidiana all’interno della comunità, questo lavoro mette in discussione le questioni dell’assistenza agli anziani, vita in comune e l’attivismo politico in tempi di cambiamento sociale.

H 20.15
Xavier
(Italia, 2017, 8’) di Jo Coda
alla presenza del regista

20 aprile 2017 avenue des Champs-Elysées. In un attentato, tra i compagni feriti, il poliziotto Xavier Jugelé perde la vita. Sogni infranti, aspettative di pace senza risposta. Ma l’odio non troverà spazio. Dialogo e tolleranza, l’unica soluzione.

H 20.45
Pagani
(Italia, 2016, 52’) di Elisa Flaminia Inno
alla presenza della regista

Nel profondo sud dell’Italia sopravvivono antichi sincretismi religiosi legati alla Madre Terra. A Pagani, nei pressi di Pompei, sette giorni dopo Pasqua si celebra la Madonna delle Galline, una Vergine venerata con canti e danze ancestrali. Per trenta giorni il popolo dei devoti si muove all’unisono per perpetuare la Tradizione, un evento a cui tutti partecipano animati da una fede che diventa memoria e trascendenza. Fonzino è il prescelto che guida il popolo nella costruzione del Tosello, un tempietto barocco segreto, rivelato alla comunità ogni anno il giorno della festa. Biagino è il leader di una comunità omosessuale di devoti, protagonista degli eventi liturgici più ortodossi e portatrice di remote usanze legate al mondo omosessuale, come il matrimonio della Zeza, la Morte di Carnevale e la Figliata dei Femminielli.

H 22.00
Porno e Libertà
(Italia, 2016, 78’) di Carmine Amoroso
alla presenza del regista

In un paese prigioniero dell’ipocrisia sul sesso, un gruppo di ribelli, attraverso l’arma della pornografia e sulla spinta dei movimenti giovanili di quegli anni, inizia una battaglia contro la censura e il comune senso del pudore. Un’agguerrita armata di sognatori il cui obiettivo era quello di sfondare il perbenismo borghese e cattolico e sconfiggere sensi di colpa e tabù che avevano soffocato il sesso e l’amore: insieme fecero tremare la chiesa, la politica e le istituzioni. Dall’italiano LASSE BRAUN che inventò lanciò e sdoganò la cultura del porno in tutto il mondo, a RICCARDO SCHICCHI maestro di provocazioni e trasgressioni a ILONA STALLER “CICCIOLINA”, la prima pornostar al mondo a essere eletta in un Parlamento.

SABATO 17 MARZO

MATINEE PER LE SCUOLE
Oriented
(Israel, 2015, 86’) di Jake Witzenfeld
con gli studenti del Liceo “Ciardo Pellegrino” & insieme allo Yalla Film Fest

Tre giovani amici palestinesi che vivono a Tel Aviv, tre modi personali, a volte convergenti, a volte discordanti, di vedere e vivere la propria omosessualità e la condizione di stranieri in “terra nemica”, con tutte le scelte, le difficoltà e le gioie ad esse legate. Khader proviene da un’importante famiglia appartenente alla mafia araba e convive con David, ebreo, di professione promoter di eventi notturni LGBTQ. Fadi è un fervente nazionalista che ha sposato la causa dell’indipendenza della Palestina eppure si trova ad amare un sionista. Naim si deve confrontare con i propri famigliari, profondamente religiosi.

H 18.00
Era ieri
(Italia, 2016, 15’) di Valentina Pedicini

Giò, adolescente mascolina, vuole due cose: l’amicizia dei suoi compagni di scorribande e l’attenzione di Paola. Ma non è l’unica.

H 18.15
L’uomo doppio
(Italia, 2012, 65’) di Cosimo Terlizzi
alla presenza del regista

«DISTRUGGI IL TUO EGO», una scritta sul muro lasciata da un’amica morta in tragiche circostanze innesca nel regista un processo di conoscenza di sé. Annota le sue riflessioni come in un diario scritto di getto, fatto di vita di coppia, voyeurismo, continui spostamenti geografici, tradimenti multimediali e letture.“Ho concentrato lo sguardo sulla mia vita sentimentale e sul mio lavoro di artista; mi sono usato come cavia per indagare le luci e le ombre della personalità con la volontà di far emergere un’indagine sulla natura stessa dell’uomo diviso tra istinto e morale”.

H 18.00
Al di là dello specchio
(Italia, 2015, 54’) di Cecilia Grasso
alla presenza della regista

Come sarebbe, per una donna, vivere una giornata da uomo? I retroscena di uno spettacolo Drag sono l’occasione per esplorare dall’interno gli aspetti più intimi del Kinging. Da racconti ed esperienze di un gruppo di Drag Kings, colte anche nel quotidiano, emerge una pratica di costruzione identitaria che inscena gli stereotipi sessuali e denuda il predominio del maschile nella nostra società.

H 18.00
Orfeo, il giorno prima
(Italia,1994, 11’) di Giovanni Minerba
alla presenza del regista

L’inferno di Orfeo, l’eroe contemporaneo, in attesa di una morte annunciata nella consapevolezza di non poter più accumulare ricordi. La vita è una bottiglia piena di anni liquidi che scorrono veloci quando si beve troppo e in fretta. Ma il nettare prezioso svanisce anche se si allontana il bicchiere: evapora dal tappo andato perduto nei giochi di infanzia…
La tentazione alla resa è forte; ma un ultimo, eroico gesto, strapperà Orfeo al suo destino: egli sceglie di non rinunciare al suo amore, il suo compagno, la sua Euridice, che resterà per sempre con lui. Ispirato a “Dialoghi con Leucò” di Cesare Pavese.

H 18.00
Aeffetto Domino
(Italia, 2016, 87’) di Fabio Massa
alla presenza del regista

“ÆFFETTO DOMINO” è un film che racconta la vita e la sua trasformazione. Un viaggio dentro e fuori di sé: Lorenzo lavora in un’associazione che si occupa di insegnare ai bambini disagiati. Tra questi c’è Kalid un giovanissimo africano che ben presto gli trasmette il suo amore per il “continente nero”. Quando gli si propone di operare proprio in Africa, Lorenzo non ha nessun dubbio! La sua nuova esperienza però viene ridimensionata quando è costretto a tornare in Italia a causa di un melanoma in fase avanzata. Da qui un effetto domino sulla sua vita: il rapporto con la sua famiglia, l’amore, l’amicizia, le sue scelte…

H 23.15
PREMIAZIONE SALENTO RAINBOW FILM FEST
alla presenza delle giurie del festival

Come ogni anno, il festival si chiude con la premiazione dei film, documentari e cortometraggi in programmazione. I premi sono attribuiti dalle Quattro giurie del festival, ovvero la Youth Jury degli studenti del Liceo Artistico “Ciardo Pellegrino”, la Giuria del collettivo studenti del Liceo “Capece”, la giuria delle associazioni e quella del CineClub Universitario.

Presentazione Libri

15 marzo – h 19.30
REGINA
di Mauro Scarpa
alla presenza dell’autore

Italia 2025. Regina, la dittatrice della nazione omosessuale, è intenta a scrivere il nuovo decalogo di Leggi che i cittadini italiani dovranno rispettare. Da cinque anni il nuovo governo è centrato sul mantenimento di uno stile di vita compulsivo. Tutti gli eterosessuali sono stati convertiti, anche grazie alla somministrazione di sostanze chimiche, ma alta resta l’attenzione. Regina ha iniziato la sua rincorsa al potere già nel 2016, approfittando di un quadro politico e sociale instabile, insinuando che la naturale propensione dell’essere umano è di copulare con i propri simili. Si dice che Regina si sia strappata i genitali per dimostrare la potenza dell’auto affermazione. Il suo scroto è custodito come una reliquia in una scatola di legno intarsiata. Il nuovo governo ha poche e semplici regole: sesso libero, feste, decadenza dell’istituto matrimoniale, alleanze con la chiesa e nessuna possibilità di ribellione. Regina è un romanzo (breve) distopico che racconta la perdita dell’intimità in favore di una società compulsiva e narcisista. Gli errori e gli orrori della vita privata diventano la giustificazione per una vita pubblica votata all’annullamento di ogni diritto. Che fine hanno fatto le relazioni?

17 marzo – h 20.00
GENDER REVOLUTION
di Monica Romano
alla presenza dell’autrice

Le battaglie delle persone transgender hanno portata universale e possono migliorare la vita di tutti, perché le rigide aspettative di genere del nostro sistema culturale opprimono ogni essere umano, senza distinzioni.» Dalla rivolta di Stonewall all’uccisione dell’attivista trans Hande Kader, passando per le battaglie del movimento LGBT italiano, Monica Romano racconta in prima persona la storia di quel lungo percorso di affermazione delle libertà individuali che ha visto protagonisti il movimento e la comunità transgender italiana e internazionale. La sua esperienza di attivista e militante si intreccia a quella di alcuni fra i più noti e principali esponenti del movimento. Un libro di memorie che invita a riflettere e ad affrontare diffidenze e luoghi comuni, ma anche un testo informativo in cui la storia dell’autrice e dei suoi compagni viene contestualizzata e arricchita da schede di approfondimento, utili a chiarire significati e concetti, contro ogni mistificazione e pregiudizio.

Batteria Corti (dalle 19:30)

Non riesco a dormire

(Italia, 2017, 24’) di Donato Luigi Bruni

Claudio e Riccardo. Due ragazzi che, improvvisamente, sono costretti dai rispettivi genitori a vivere nella stessa casa come fratellastri. Ben presto però, entrambi dovranno affrontare la nascita di qualcosa di più di un semplice rapporto fraterno e solo superando le loro paure e il pregiudizio della gente, potranno essere liberi di stare insieme… Forse.

Wannabe
(UK, 2014, 12’) di Marco Calabrese

Nel giorno della morte di sua madre, Sofia ritorna nella casa della sua famiglia e finalmente affronta il distacco dal padre: la donna che non ha mai conosciuto.

10percento
(Italia, 2015, 25’)
di Silvia Novelli
(Italia, 2015, 54’) di Cecilia Grasso
alla presenza della regista

Due donne su un ascensore bloccato per 100 puntate. Cosa succederà lo scoprirete solo al decimo piano… Riedizione cinematografica di una micro web serie delle BADhOLE Video nata per i social.

Chiunque tu sia
(Italia, 2016, 16’) di Daniela Lucato

Elena, una giovane donna, deve affrontare una grande prova: incontrare sua made per dirle che avrà un figlio con Andrea, la sua compagna.

The Birthday
(Italia, 2016, 16’) di Daniela Lucato

Due ragazze taiwanesi, Ron e May, vivono a Berlino. Mentre si avvicina il compleanno di Ron, l’amore che in differenti forme si trovano a sperimentare le porterà verso un cambiamento significativo.

Millimeterle
(Svizzera, 2015, 16’) di Pascal Reinmann

Gli adolescenti misurano quotidianamente il proprio ruolo, il proprio potere, e la loro vita è una prova continua. È così anche per un tredicenne dalla natura delicata, Yannik. Finché la crescente curiosità sessuale del suo migliore amico non rischia di minacciare la sua comfort zone. Dov’è il confine tra gioco e realtà, e cosa capita se questo confine viene superato?

 

Amore Prossimo
(Italia, 2016, 14’) di Andrea Alessandro La Bozzetta

Salvatore e Giuliano, si allenano e giocano a basket in un parco di periferia. Dopo lo sport si rilassano sul prato parlando di donne e dei loro desideri più intimi. Un discorso greve che porterà i due amici su una linea inattesa.

Mostre – 15/16/17 marzo (tutto il giorno)

SOUVENIR
a cura di Andrea Giuliano

Souvenir è un mosaico di ricordi, un omaggio alle parole non dette e una silenziosa ode all’amore. dalla spavalderia del sesso alla vulnerabilità, le  varie opere diventano istantanee di stati d’animo che dialogano tra loro andando a delineare un paesaggio emotivo variopinto, a metà strada fra il sublime e il ridicolo, tra il candido e lo sfacciato – un po’ come ogni storia d’amore.

RAINBOW POSTERS
a cura di Marina Ichigo
Mostra illustrate delle locandine dei più celebri film a tematica arcobaleno di tutti i tempi.

Laboratorio – Sabato 17 marzo (9:00-13:00)

LABORATORIO SUL DRAG KINGING
“INDOSSARE LO SGUARDO”
a cura di Marianna Bianco e Daria di Bernardo

Quanto il nostro corpo è costruito dallo sguardo di genere su di noi? Quanto pertiene alla fragrante percezione di sè e quanto è esecuzione di una partitura di genere? Molte cose sono cambiate e stanno cambiando, ma affinché le rivoluzioni culturali si compiano, serviamo NOI e il NOSTRO coraggio di metterci in gioco con il corpo, qui e ora. Il laboratorio “Indossare lo sguardo” è un gioco, un’esperienza di gruppo che lavora sul senso di libertà, al di là delle parole, permettendo di destrutturare e ristrutturare i corpi, attraverso posture, sguardi, occupazione dello spazio e giochi di gruppo, per far vivere sulla pelle dei partecipanti l’esperienza del mondo dell’altra “metà del cielo” e di portare alla consapevolezza condizionamenti sociali profondi che abitano al di là delle coscienze. Il laboratorio prevede un contributo di 10 € a partecipante. Per info e iscrizioni: info@associazionelea.org

FESTA FINALE – Sabato 17 Marzo

ore 23:00

IL PARTY DEL SALENTO RAINBOW FILM FEST!
dj set Ennio Ciotta & Heartdeath
Il party del Salento Rainbow Film Fest chiude la quarta edizione del festival: Ennio Ciotta & Heartdeath in consolle.